MASTER AVANZATO DI COACHING INCONSCIO APPLICATO
MASTER AVANZATO DI COACHING INCONSCIO APPLICATO

Il Metamodello in PNL


Il Metamodello serve per capire, imparare – e soprattutto – relazionarsi. È alla base dell’OMI model che condivido tra gli strumenti di coaching dedicati ai coach. Se vuoi imparare a capire veramente le persone accanto a te, se vuoi fare domande mirate e utili (soprattutto), se vuoi scoprire chi “merita” la tua compagnia sul lavoro o in ambienti di relazione, allora il Metamodello è uno strumento fondamentale. Qui vediamo le tre aree del Metamodello e poi ti presento uno strumento preziosissimo: le domande utili.

Il Metamodello o linguaggio di precisione, ricerca il COME funzionano i pensieri nella mente delle persone e “scava” nelle strutture delle nostre esperienze. Fu il primo modello linguistico studiato da Richard Bandler e John Grinder. È basato da principio sulla grammatica trasformazionale di Noam Chomsky e fu redatto proprio osservando i terapeuti Virginia Satir e poi Milton Erickson.

È uno strumento che va al di là (meta) del modello linguistico, per capire meglio il significato oltre le parole, per indagare situazioni, obiettivi, progetti, o per risultare più chiari nelle proprie esposizioni.

Il Metamodello aiuta ad andare dalla struttura superficiale di una frase alla sua struttura profonda. Infatti, la presupposizione “La mappa non è il territorio” di Alfred Korzybski si adatta alla struttura linguistica per cui la parola non è l’oggetto nominato. La nostra codifica può portare a un impoverimento della struttura e a una presentazione della “mappa” ambigua.

Il Metamodello aiuta a capire come le persone effettuano cancellazioni, distorsioni e generalizzazioni. Il Metamodello perciò segue la formulazione molto precisa di domande utili per estrapolare le strategie di pensiero, le strutture di schemi e comportamenti.

  • Esempio di cancellazione: “Sono stanco”
  • Esempio di distorsione: “Mi fai arrabbiare”
  • Esempio di generalizzazione: “Non ascolta mai i miei consigli”.

Richard Bandler e John Grinder costruirono un sistema di domande mirate per smontare il linguaggio quando impediva agli interlocutori di ampliare la mappa del territorio.

Generalizzazioni Le generalizzazioni sono una delle tre distinzioni del linguaggio nel Meta Modello e si dividono in:

  • Quantificatori universali: “Nessuno mi può capire”, “Capitano sempre a me”, qui parole come: tutto, tutti, sempre, nessuno, mai, … sono usate per generalizzare una situazione, come se accadesse “sempre così”,
  • Operatori modali di necessità: “È necessario che tu lo faccia”, qui la frase diventa una regola di comportamento, è necessario, bisogna, non si deve…,
  • Operatori modali di possibilità: “Non ci riuscirò mai”, qui la frase enfatizza una possibilità o impossibilità, una credenza sulle capacità di farcela, con frasi del tipo “non si può”, “è impossibile”, “non lo farai”…

Distorsioni
Anche le distorsioni sono una delle tre distinzioni del linguaggio nel Meta modello si suddividono in:

  • Lettura della mente: “So che non ti piaccio”, qui il difetto della frase sta nel presumere di poter interpretare i pensieri altrui e di entrare nella loro mente,
  • Equivalenza complessa: “Mi sgrida sempre, perché non gli interessa nulla di me”, qui chi parla dà per scontato il collegamento – non diretto né scontato – tra l’essere stato sgridato da una persona e ciò che questa persona prova in generale per lui,
  • Causa ed effetto: “Mi fa sempre uscire dai gangheri”, qui x porta a y (mentre prima è come se fosse x = y)
  • Performativo perso: “È sbagliato criticare così”, qui si distorce la fonte e eludendola si fa diventare una propria regola, una regola generalizzata. Omettendo la fonte, il pensiero espresso non è più giudizio personale ma acquisisce una certa ufficialità.
  • Presupposizioni: “Se sapesse quanto ho sofferto, non si rivolgerebbe così con me”, qui il “quanto ho sofferto” è dato per vero e non si discute, è vero nella mappa di chi parla.

Cancellazioni
Infine, le cancellazioni sono una sezione nel Meta Modello e si distinguono in:

  • Semplice cancellazione: “Sono stanco”, qui viene cancellato il motivo per cui la persona che si esprime sia stanca e possono nascere molte incomprensioni. È tipico delle cancellazioni il classico “problema comunicativo” nelle coppie o sul lavoro,
  • Cancellazioni comparative: “È più gentile”, qui manca il termine di paragone, rispetto a chi?,
  • Nominalizzazioni: “Qui la gentilezza non è certo di casa”, “gentilezza” è una nominalizzazione, come tutte quelle parole che… non possono essere messe fisicamente in un “carretto”. Gentilezza esclude il soggetto mancante di gentilezza, la situazione, il ricevente, cosa si intende per “gentilezza”…
  • Nome non specifico: “Non gli interessa”, manca il soggetto che non si interessa,
  • Verbo non specifico: “Mi ha ferita”, manca il modo in cui la persona è stata ferita, basti pensare all’ambiguità fra l’essere ferita a parole o alzando le mani.

Le domande utili
Le domande utili possono distinguersi in vari modi, qui ti presento una distinzione per scopo tra 1. Domande esplorative, 2. Domande test, 3. Domande di installazione emotiva.

  • Le domande esplorative sono alla base della comprensione del Metamodello, lo sfruttano e colmano le violazioni del linguaggio.
  • Le domande test testano – appunto – se le ipotesi su cui abbiamo lavorato insieme al coachee siano piacevoli e fattibili, altrimenti si ricomincia da principio.
  • Le domande di installazione servono a installare le risposte emotive che si otterranno da ciò che verrà fatto in base alla pianificazione e da ciò che è stato solo ora pianificato e che fanno sognare!









  • Chi è un coach incisivo? Chi è un coach incisivo?

    I coach che escono dal Master MACIA sono persone competenti, con qualifiche e formazione alle spalle e che - grazie al master - aggiungono l’ingrediente segreto: la fluidità! La fluidità nell’utilizzare il meta modello, nel fare domande, nell’assistere e non dire… E poi fluidità nel proporre l’esercizio giusto, giusto per il tuo cliente/coachee, giusto per il momento, per il luogo di coaching, giusto per il tuo stile e tipo di coaching. La fluidità nel lavorare con la mente cosciente e inconscia del coachee.

    Prosegui qui

  • Come si sceglie lo strumento di coaching da proporre? Come si sceglie lo strumento di coaching da proporre?

    Lo strumento di coaching perfetto non esiste. Esiste lo strumento (sotto forma di esercizio proposto) giusto per te, per il tuo stile comunicativo, per il tipo di coaching che usi, per il luogo in cui vi trovate (sì, perché il coaching può essere fatto anche con altre persone attorno) e anche assecondando l’apertura del tuo coachee in quel momento della vita. Esistono strumenti più consci e strumenti più inconsci. Da quali vuoi iniziare? Al Master MACIA che puoi seguire online distinguiamo strumenti, proponiamo protocolli e...

    Prosegui qui

  • Perché è fondamentale lavorare con la mente inconscia del coachee? Perché è fondamentale lavorare con la mente inconscia del coachee?

    Se sai che, per avere successo nel coaching, è inevitabile lavorare anche con la mente inconscia: quali esercizi appartengono più a una comunicazione “logica” e quali più a una comunicazione “emotiva/abitudinaria”? Facciamo due esempi. Se la persona che ti chiede assistenza volesse cambiare un automatismo o un’abitudine? Cosa proporresti? Alternative? E COME le proporresti? E poi? Come installeresti il tutto nella sua mente inconscia? Al Master MACIA partiamo daile situazioni tipiche del coachee per poi risalire a...

    Prosegui qui

  • Come si sceglie lo strumento di coaching da proporre? Come si lavora con la mente inconscia del coachee?

    Lo strumento di coaching perfetto non esiste. Esiste lo strumento (sotto forma di esercizio proposto) giusto per te, per il tuo stile comunicativo, per il tipo di coaching che usi, per il luogo in cui vi trovate (sì, perché il coaching può essere fatto anche con altre persone attorno) e anche assecondando l’apertura del tuo coachee in quel momento della vita. Esistono strumenti più consci e strumenti più inconsci. Da quali vuoi iniziare? Al Master MACIA che puoi seguire online distinguiamo strumenti, proponiamo protocolli e...

    Prosegui qui

  • Cosa sono e come uso le visualizzazioni durante un incontro di coaching? Cosa sono e come uso le visualizzazioni durante un incontro di coaching?

    Le visualizzazioni sono usate pochissimo dai coach oggi, eppure la PNL ne sfrutta i vantaggi da quarant’anni. Le visualizzazioni non sono sconosciute, sono confuse. Molti di noi, compresi molti coach, confondono le visualizzazioni con la meditazione o con l’ipnosi. Le visualizzazioni esistono nella nostra mente comunque. Tutti noi visualizziamo volenti o nolenti. Tu conosci le visualizzazioni “passive” del tuo cliente? Sai come si motiva? Demotiva? Racconta il passato? Il futuro? Le aspettative? La sua crescita? Al Master...

    Prosegui qui

  • Le visualizzazioni sono ipnosi? Le visualizzazioni sono ipnosi?

    Non è solo scendendo dieci graditi virtuali che si cambia… Non si cambia solamente facendo una passeggiata virtuale sulla spiaggia… Le visualizzazioni possono essere motivanti o di processo. Possono partire in uno stato emotivo positivo o neutro, partire da un semplice respiro di rilassamento o da una posizione comoda. Possono essere “passive”, cioè non volute dal coachee o “attive” cioè volute e costruite insieme al coach. Cosa ha bisogno di vedere, dirsi, provare il tuo coachee per fare un passo verso il suo...

    Prosegui qui

MACIA

Il Master Avanzato di Coaching Inconscio Applicato, si rivolge a coach che vogliono migliorare la propria pratica di coaching.

 CCA Italia, Master in coaching

Contatto

Hai una domanda? Scrivici a info@ccaitalia.com e ti risponderemo entro 48 ore.

 

Open Day

Prenota qui il tuo posto per l'Open DAY del venerdì 14/12/2022 via ZOOM.



© Copyright Wide srl 2022 - P.IVA: 05378370968


© Copyright Wide srl 2022 - P.IVA: 05378370968
Termini & Condizioni | Privacy Policy | Assistenza Clienti