MASTER AVANZATO DI COACHING INCONSCIO APPLICATO
MASTER AVANZATO DI COACHING INCONSCIO APPLICATO

Il Milton Model, i nested loops, i truismi e lo Yes Set


Il Milton Model o linguaggio vago, è un insieme di tecniche tratte dall’osservazione del linguaggio di Milton Erickson e utili a ottenere (all’opposto del Metamodello) generalizzazioni, distorsioni e cancellazioni, a vantaggio della comunicazione. È il tipo di linguaggio da utilizzare per guidare, per suggerire, in induzioni ipnotiche, per visualizzazioni guidate e altri processi di rilassamento indotto.

Milton Erickson, ipnoterapeuta e psichiatra, apriva le porte a un nuovo e rivoluzionario modo di fare terapia, molte delle presupposizioni della PNL provengono dalle sue sedute con pazienti presenziate da Richard Bandler.

Ecco alcuni esempi di generalizzazioni, distorsioni e cancellazioni a vantaggio del Milton Model.

Generalizzazioni

  • Quantificatori universali: “Tutto ciò di cui hai bisogno è sempre, e sarà sempre a tua disposizione, dentro di te”,
  • Operatore modale di possibilità: “Se puoi capire le mie parole, puoi imparare a creare nuovi percorsi sinaptici”,
  • Performative perse: “È una buona cosa ottenere ciò che si vuole”.

Distorsioni

  • Equivalenza complessa: “Stare tranquillamente seduto, con i muscoli degli occhi rilassati, significa che stai entrando in una piacevole e profonda trance”,
  • Causa ed effetto: “Ogni respiro ti renderà sempre più rilassato”,
  • Nominalizzazioni: “Il rilassamento è parte naturale di tutti noi”.

Cancellazioni

  • Cancellazione semplice: “Puoi imparare facilmente”,
  • Cancellazione comparativa: “Ti stai rilassando ancora di più”,
  • Indice referenziale non specificato: “E potresti essere cosciente di certe sensazioni”,
  • Verbi non specifici: “Fare questo percorso è sinonimo di…”.

A parte analizziamo:

  • Presupposizione: “Da persona intelligente so che potrai capire”.
  • Lettura della mente: “Io so che la tua mente inconscia ha già iniziato a cercare la soluzione”.

Il linguaggio ipnotico, che induce al rilassamento profondo e che permette di rilassare la mente conscia e di lavorare con la predisposizione della mente inconscia, risulta molto fluido, quasi ininterrotto, con una massiccia presenza di congiunzioni che uniscono le frasi e non spezzano il “flusso di rilassamento”.

È molto utile nella terza fase di coaching nell’OMI model, cioè nell’installazione sotto forma di visualizzazione, riproponendo tutto ciò che il cliente ha stabilito insieme al coach nel lavoro precedentemente svolto.

Altre tecniche persuasive nella conversazione
Se sei un coach, qui di seguito ti presento i nested loops di Richard Bandler, lo Yes Set e i truismi. Si tratta di tecniche utilissime per guidare e agevolare il cambiamento nella mente abitudinaria e routinaria del tuo cliente. Per chi fosse curioso, è ugualmente interessante conoscere queste tecniche per potersi difendere da possibili manipolazioni linguistiche effettuate da venditori senza scrupoli.

I nested loops La tecnica dei Nested Loops è una tecnica potente e avanzata. Richard Bandler la utilizza moltissimo nei suoi discorsi per provocare stati emotivi negli spettatori. Si tratta di raccontare una storia e poi di inserirne un’altra al suo interno e così via, per 3 o molti più “incastri” (nested). Esistono almeno due scopi alla tecnica del “nested loops”:

Mantenere l’attenzione del pubblico Sovraccaricare la parte inconscia della mente per poter veicolare il messaggio importante, cioè l’insegnamento che si vuole trasferire.

Un esempio di nested loop è la seguente struttura: ABC – messaggio – CBA. Creiamone uno adesso, magari con lo scopo di generare voglia di aprirsi in chi lo ascolta o legge.

I truismi
Il truismo (ingl. truism, rad. truth = verità) è un set linguistico simile allo yes set, per cui si introduce un discorso affermando delle verità scontate. L’esempio classico insegnato agli oratori per avere l’appoggio del pubblico è simile a:

Siamo qui oggi in questa sala riunioni, e abbiamo tutti uno scopo comune, dentro ciascuno di noi albergano aspettative importanti e speriamo tutti di uscire da qui oggi avendole soddisfatte. Vogliamo ottenere dei risultati e vogliamo farlo in modo semplice e produttivo…

Lo Yes Set
Lo schema dello Yes Set è una tecnica che può essere usata per predisporre l’interlocutore a dire sì. È una struttura che è usata sia sul palco da cantanti o presentatori, sia da motivatori o da venditori, ma anche semplicemente dai genitori che vogliono motivare comportamenti corretti ai figli (come la semplice azione di lavarsi i denti):

  • Volete divertirvi stasera?
  • Lo sapete chi abbiamo come ospite speciale qui a Foggia stasera, vero?
  • Siete pronti?

A questo punto il pubblico, già predisposto, sarà accondiscendente e coinvolto pienamente nella serata. Questa struttura era usata anche da Milton Erickson per fare in modo di entrare in rapporto con i propri pazienti:

  • Buongiorno, potrebbe chiudere la porta quando entra?
  • Mi farebbe anche la cortesia di spostare la poltrona e avvicinarsi un poco?
  • Ah, le spiace anche servire del tè, per entrambi… grazie mille.
  • -> bene. Ora è pronta a iniziare… e… mentre siamo seduti qui oggi, e io so che lei conosce la ragione per cui vuole migliorare…

E così, dopo aver predisposto il cliente a seguire le sue istruzioni, Milton Erickson poteva aiutarlo a lavorare con più tranquillità e fiducia. Attenzione però: questa struttura può essere anche usata da venditori che vogliono manipolare i compratori a dire di sì.

Gli embedded commands
Gli Embedded commands (it. comandi o suggerimenti inclusi) sono parole o frasi racchiuse in un contesto più ampio. Sono molto usati da Richard Bandler nei suoi complessi e innumerevoli nested loops.

La formula degli embedded commands è molto comune nelle storie, nelle favole e nelle metafore: al di là del contorno, cioè della storia e delle avventure dei protagonisti, esiste un messaggio, questo è il suggerimento nascosto o incastonato nel messaggio più ampio.

Linguaggio metaforico
Un altro tipo di linguaggio è l’uso delle metafore. Certe volte, affrontare una situazione attraverso una metafora è il modo più veloce per aiutare il cambiamento diretto e inconscio, senza razionalizzazione o ricerca di motivi e spiegazioni.

Le metafore facevano spesso parte del linguaggio di Milton Erickson durante i suoi incontri. Può bastare una metafora per cambiare lo stato di una persona e magari la sua stessa storia.

Metafora, dal greco “ trasporto”, cioè la metafora aiuta il trasporto di significato da una cosa all’altra. In PNL metafore e similitudini eseguono la stessa funzione, che ci sia la parola “come” o che la storia sia parallela in significato, lo scopo della metafora terapeutica è di suggerire direttamente alla mente inconscia del cliente una soluzione che lei (la mente inconscia) potrà poi ri-elaborare e adattare a sé.

Spesso Milton Erickson, per aiutare i suoi pazienti a sviluppare il senso di crescita delle risorse o risposte dentro di sé parlava di piantine di pomodoro che crescono e si evolvono, generano frutti e si fanno alte e forti.

Altro uso della metafora, più esplicito e legato ad àncore spaziali è stato fatto da Robert Dilts, chiedendo di trovare una metafora che rappresenti lo stato in difficoltà e poi con uno spostamento spaziale, ricercando una metafora risorsa, da trasportare poi in esercizio di future pace, appunto nel futuro.









  • Chi è un coach incisivo? Chi è un coach incisivo?

    I coach che escono dal Master MACIA sono persone competenti, con qualifiche e formazione alle spalle e che - grazie al master - aggiungono l’ingrediente segreto: la fluidità! La fluidità nell’utilizzare il meta modello, nel fare domande, nell’assistere e non dire… E poi fluidità nel proporre l’esercizio giusto, giusto per il tuo cliente/coachee, giusto per il momento, per il luogo di coaching, giusto per il tuo stile e tipo di coaching. La fluidità nel lavorare con la mente cosciente e inconscia del coachee.

    Prosegui qui

  • Come si sceglie lo strumento di coaching da proporre? Come si sceglie lo strumento di coaching da proporre?

    Lo strumento di coaching perfetto non esiste. Esiste lo strumento (sotto forma di esercizio proposto) giusto per te, per il tuo stile comunicativo, per il tipo di coaching che usi, per il luogo in cui vi trovate (sì, perché il coaching può essere fatto anche con altre persone attorno) e anche assecondando l’apertura del tuo coachee in quel momento della vita. Esistono strumenti più consci e strumenti più inconsci. Da quali vuoi iniziare? Al Master MACIA che puoi seguire online distinguiamo strumenti, proponiamo protocolli e...

    Prosegui qui

  • Perché è fondamentale lavorare con la mente inconscia del coachee? Perché è fondamentale lavorare con la mente inconscia del coachee?

    Se sai che, per avere successo nel coaching, è inevitabile lavorare anche con la mente inconscia: quali esercizi appartengono più a una comunicazione “logica” e quali più a una comunicazione “emotiva/abitudinaria”? Facciamo due esempi. Se la persona che ti chiede assistenza volesse cambiare un automatismo o un’abitudine? Cosa proporresti? Alternative? E COME le proporresti? E poi? Come installeresti il tutto nella sua mente inconscia? Al Master MACIA partiamo daile situazioni tipiche del coachee per poi risalire a...

    Prosegui qui

  • Come si sceglie lo strumento di coaching da proporre? Come si lavora con la mente inconscia del coachee?

    Lo strumento di coaching perfetto non esiste. Esiste lo strumento (sotto forma di esercizio proposto) giusto per te, per il tuo stile comunicativo, per il tipo di coaching che usi, per il luogo in cui vi trovate (sì, perché il coaching può essere fatto anche con altre persone attorno) e anche assecondando l’apertura del tuo coachee in quel momento della vita. Esistono strumenti più consci e strumenti più inconsci. Da quali vuoi iniziare? Al Master MACIA che puoi seguire online distinguiamo strumenti, proponiamo protocolli e...

    Prosegui qui

  • Cosa sono e come uso le visualizzazioni durante un incontro di coaching? Cosa sono e come uso le visualizzazioni durante un incontro di coaching?

    Le visualizzazioni sono usate pochissimo dai coach oggi, eppure la PNL ne sfrutta i vantaggi da quarant’anni. Le visualizzazioni non sono sconosciute, sono confuse. Molti di noi, compresi molti coach, confondono le visualizzazioni con la meditazione o con l’ipnosi. Le visualizzazioni esistono nella nostra mente comunque. Tutti noi visualizziamo volenti o nolenti. Tu conosci le visualizzazioni “passive” del tuo cliente? Sai come si motiva? Demotiva? Racconta il passato? Il futuro? Le aspettative? La sua crescita? Al Master...

    Prosegui qui

  • Le visualizzazioni sono ipnosi? Le visualizzazioni sono ipnosi?

    Non è solo scendendo dieci graditi virtuali che si cambia… Non si cambia solamente facendo una passeggiata virtuale sulla spiaggia… Le visualizzazioni possono essere motivanti o di processo. Possono partire in uno stato emotivo positivo o neutro, partire da un semplice respiro di rilassamento o da una posizione comoda. Possono essere “passive”, cioè non volute dal coachee o “attive” cioè volute e costruite insieme al coach. Cosa ha bisogno di vedere, dirsi, provare il tuo coachee per fare un passo verso il suo...

    Prosegui qui

MACIA

Il Master Avanzato di Coaching Inconscio Applicato, si rivolge a coach che vogliono migliorare la propria pratica di coaching.

 CCA Italia, Master in coaching

Contatto

Hai una domanda? Scrivici a info@ccaitalia.com e ti risponderemo entro 48 ore.

 

Open Day

Prenota qui il tuo posto per l'Open DAY del venerdì 14/12/2022 via ZOOM.



© Copyright Wide srl 2022 - P.IVA: 05378370968


© Copyright Wide srl 2022 - P.IVA: 05378370968
Termini & Condizioni | Privacy Policy | Assistenza Clienti