MASTER AVANZATO DI COACHING INCONSCIO APPLICATO
MASTER AVANZATO DI COACHING INCONSCIO APPLICATO

Il modeling (o modellamento) in PNL


“La PNL è lo studio della struttura dell’esperienza soggettiva”, abbiamo detto. Ciò significa che se voglio imparare ad andare in skate mi fermerò davanti alla Stazione Centrale a Milano per osservare quei pazzi bravissimi acrobati che salgono e scendono per le rampe che immettono alla piazza della stazione.

Modellare ci permette di apprendere più velocemente: come parlare in pubblico, come dimagrire e avere la giusta mentalità, come diventare un genitore migliore, come giocare a tennis, come sciare, come fare tutto. Modellare è un perfetto sistema di apprendimento che noi umani sfruttiamo bene e che – sicuramente – potremmo sfruttare meglio.

Modeling (o modellamento in italiano) è un modo di apprendere velocemente, osservando altri che hanno già raggiunto e vivono i risultati che noi vorremmo ottenere e fare nostri. Il modeling è al cuore della PNL e senza di esso la PNL stessa non esiterebbe.

Modellare significa copiare: copiare la struttura, l’atteggiamento, i pensieri, le convinzioni, le domande, la fisiologia di chi ha ciò che altri vogliono ottenere. Si può modellare uno sport, una performance lavorativa, uno stato emozionale (dalla paura alla sicurezza, dall’insicurezza all’autostima).

Modellare non è una teoria né è la ricerca della verità, modellare è copiare ciò che può essere utile. I bambini sono degli eccellenti “modellatori”, imparano a crescere, ad emulare … e imparano anche ad emulare ciò che non è utile, come le credenze limitanti degli adulti vicini, perché da bambini non si è in grado di scindere.

Il modeling è legato alla presupposizione per cui “se qualcuno ci riesce non c’è ragione valida per cui non possa farlo anche io”. Prendendo spunto da una persona che fa meglio una cosa rispetto a noi, possiamo scegliere cosa modellare e scegliere di modellare solo le credenze utili riguardo a quella performance, o le frasi, i pensieri, o le azioni.

La persona da cui modelliamo qualcosa non deve necessariamente essere perfetta, amorevole e disponibile. Da adulti abbiamo la capacità di scindere e scegliere cosa emulare. Possiamo anche modellare senza necessariamente fare un’intervista al “modellato”, possiamo sia osservare da lontano o fare domande e estrapolare il loro atteggiamento e credenze dalle loro risposte. Le persone esprimono le loro convinzioni attraverso le loro parole.

Modellamento di Bandura
Precedente alla Programmazione Neurolinguistica fu Bandura (1977) che parlò di Modellamento nella sua teoria dell’apprendimento sociale, come pratica di apprendimento nell’età evolutiva e in seguito. Secondo Bandura, noi apprendiamo osservando gli altri, come i nostri modelli educativi, amici o anche da mass media. Il concetto di Modellamento, cioè apprendimento per imitazione ha ispirato il Modeling in PNL perché noi impariamo da altri.

Se Bandura lavorò sull’osservazione di ciò che accade e per la quale impariamo attivamente e passivamente; i fondatori della PNL scelsero di approfondire questa capacità umana come suggerimento al miglioramento. Il modeling è imitare chi fa già ciò che vogliamo imparare o diventare: imitare chi gestisce emozioni in modo produttivo, copiare la struttura interna di chi affronta stress, crisi, difficoltà, imparare modellando chi sa fare cose che ancora noi non sappiamo fare.









  • Chi è un coach incisivo? Chi è un coach incisivo?

    I coach che escono dal Master MACIA sono persone competenti, con qualifiche e formazione alle spalle e che - grazie al master - aggiungono l’ingrediente segreto: la fluidità! La fluidità nell’utilizzare il meta modello, nel fare domande, nell’assistere e non dire… E poi fluidità nel proporre l’esercizio giusto, giusto per il tuo cliente/coachee, giusto per il momento, per il luogo di coaching, giusto per il tuo stile e tipo di coaching. La fluidità nel lavorare con la mente cosciente e inconscia del coachee.

    Prosegui qui

  • Come si sceglie lo strumento di coaching da proporre? Come si sceglie lo strumento di coaching da proporre?

    Lo strumento di coaching perfetto non esiste. Esiste lo strumento (sotto forma di esercizio proposto) giusto per te, per il tuo stile comunicativo, per il tipo di coaching che usi, per il luogo in cui vi trovate (sì, perché il coaching può essere fatto anche con altre persone attorno) e anche assecondando l’apertura del tuo coachee in quel momento della vita. Esistono strumenti più consci e strumenti più inconsci. Da quali vuoi iniziare? Al Master MACIA che puoi seguire online distinguiamo strumenti, proponiamo protocolli e...

    Prosegui qui

  • Perché è fondamentale lavorare con la mente inconscia del coachee? Perché è fondamentale lavorare con la mente inconscia del coachee?

    Se sai che, per avere successo nel coaching, è inevitabile lavorare anche con la mente inconscia: quali esercizi appartengono più a una comunicazione “logica” e quali più a una comunicazione “emotiva/abitudinaria”? Facciamo due esempi. Se la persona che ti chiede assistenza volesse cambiare un automatismo o un’abitudine? Cosa proporresti? Alternative? E COME le proporresti? E poi? Come installeresti il tutto nella sua mente inconscia? Al Master MACIA partiamo daile situazioni tipiche del coachee per poi risalire a...

    Prosegui qui

  • Come si sceglie lo strumento di coaching da proporre? Come si lavora con la mente inconscia del coachee?

    Lo strumento di coaching perfetto non esiste. Esiste lo strumento (sotto forma di esercizio proposto) giusto per te, per il tuo stile comunicativo, per il tipo di coaching che usi, per il luogo in cui vi trovate (sì, perché il coaching può essere fatto anche con altre persone attorno) e anche assecondando l’apertura del tuo coachee in quel momento della vita. Esistono strumenti più consci e strumenti più inconsci. Da quali vuoi iniziare? Al Master MACIA che puoi seguire online distinguiamo strumenti, proponiamo protocolli e...

    Prosegui qui

  • Cosa sono e come uso le visualizzazioni durante un incontro di coaching? Cosa sono e come uso le visualizzazioni durante un incontro di coaching?

    Le visualizzazioni sono usate pochissimo dai coach oggi, eppure la PNL ne sfrutta i vantaggi da quarant’anni. Le visualizzazioni non sono sconosciute, sono confuse. Molti di noi, compresi molti coach, confondono le visualizzazioni con la meditazione o con l’ipnosi. Le visualizzazioni esistono nella nostra mente comunque. Tutti noi visualizziamo volenti o nolenti. Tu conosci le visualizzazioni “passive” del tuo cliente? Sai come si motiva? Demotiva? Racconta il passato? Il futuro? Le aspettative? La sua crescita? Al Master...

    Prosegui qui

  • Le visualizzazioni sono ipnosi? Le visualizzazioni sono ipnosi?

    Non è solo scendendo dieci graditi virtuali che si cambia… Non si cambia solamente facendo una passeggiata virtuale sulla spiaggia… Le visualizzazioni possono essere motivanti o di processo. Possono partire in uno stato emotivo positivo o neutro, partire da un semplice respiro di rilassamento o da una posizione comoda. Possono essere “passive”, cioè non volute dal coachee o “attive” cioè volute e costruite insieme al coach. Cosa ha bisogno di vedere, dirsi, provare il tuo coachee per fare un passo verso il suo...

    Prosegui qui

MACIA

Il Master Avanzato di Coaching Inconscio Applicato, si rivolge a coach che vogliono migliorare la propria pratica di coaching.

 CCA Italia, Master in coaching

Contatto

Hai una domanda? Scrivici a info@ccaitalia.com e ti risponderemo entro 48 ore.

 

Open Day

Prenota qui il tuo posto per l'Open DAY del venerdì 14/12/2022 via ZOOM.



© Copyright Wide srl 2022 - P.IVA: 05378370968


© Copyright Wide srl 2022 - P.IVA: 05378370968
Termini & Condizioni | Privacy Policy | Assistenza Clienti