MASTER AVANZATO DI COACHING INCONSCIO APPLICATO
MASTER AVANZATO DI COACHING INCONSCIO APPLICATO

Le àncore in PNL


Ancorare significa stabilire dei trigger, cioè degli inneschi: segnali di riconoscimento collegati a uno o più specifici stati d’animo. Scatenato il trigger parte lo stato emotivo. Nel caso della canzone dell’estate, la canzone è l’innesco e le emozioni rendono energica la lezione di GAG due mesi dopo!

Le àncore possono generarsi naturalmente – semplicemente vivendo la vita e le esperienze – oppure possono essere create “artificialmente”, cioè appositamente. Queste ultime ci servono per motivarci, darci energia, coraggio, pace, serenità… Tutto ciò che desideriamo: basta stabilirlo prima!

Stili di ancoraggio
Gli stili di rappresentazione delle àncore sono i canali di accoglienza e interpretazione del mondo: cinestesico, visivo, auditivo. La canzone dell’estate è un’àncora sonora, rivedere un’espressione di delusione sul viso di una persona amata è un’àncora visiva e può risvegliare paura o smarrimento. Un’àncora cinestesica infine riguarda il nostro corpo, il tatto, il movimento nello spazio.

Lo scopo è proprio quello, provocare quella cosa che loro vogliono nella guida verbale e poi ancorarla a un gesto semplice, come potrebbe essere l’unire pollice e indice della mano destra oppure stringere un pugno o il rumore della cerniera della borsa di sport che si apre… Ogni gesto associato all’emozione è il trigger, l’innesco che provocherà l’àncora “del dopo nel prima” e genererà voglia di muoversi prima di farlo.

Tipi di ancore
Esistono diversi tipi di ancore:

  • L’àncora semplice, associa uno stato desiderato, che potrebbe essere uno stato emotivo, un atteggiamento fisiologico, un pensiero, a un innesco che potrebbe essere spaziale, come consiglia molto Robert Dilts, entrando in uno spazio immaginario come un cerchio e attingendo a risorse utili; oppure, potrebbe essere cinestesico, come può suggerire Anthony Robbins, stringendo il pugno mentre si ritorna a un ricordo, a una sensazione; oppure potrebbe essere visiva, ad esempio voglio associare alla vista del mio ufficio una forte sensazione di produttività, energia e serenità.
  • Collasso d’àncora (ingl. collapsing anchors), è un processo di neutralizzazione di stati negativi che possono scatenare due risposte incompatibili tra loro allo stesso momento. La classica rappresentazione del collapsing anchors è quella che si faceva agli inizi della PNL e che ancora qualcuno esegue: ancorando un ginocchio a uno stato negativo, l’altro ginocchio allo stato positivo e poi annullando quello negativo, rilasciando il positivo insieme e trattenendosi sul positivo.
  • Stacking Anchors (it. Ancora accumulata), è un processo per cui si associa alla stessa àncora una serie di diversi momenti, in modo da rafforzare le risposte del soggetto e generalizzare l’uso dell’àncora e il risultato del suo utilizzo.
  • Sliding anchors (it. Ancora a scivolata), per cui si creano almeno 3 stati positivi e si ancorano, poi si attivano scivolando (se cinestesico, o in successione, se visivo) dal primo, al secondo fino al terzo, generando un forte stato emotivo positivo.

Cerchio dell’eccellenza
Il cerchio dell’eccellenza è un esercizio di coaching molto stimolante: è uno spazio virtuale che in PNL viene arricchito di stati emozionali potenzianti. È una semplice e potente tecnica che usa la nozione di àncora spaziale. Ecco come procedere:

Crea un cerchio sul pavimento, ovunque credi. Dagli un colore se preferisci. Entrando nel cerchio dell’eccellenza è come entrare in uno spazio magico, pieno di stati emozionali che vengono definiti “stati-risorsa”, come per esempio, tranquillità, forza, equilibrio, energia, serenità, amore, gioia…

Questi “stati-risorsa” devono essere ancorati al cerchio dell’eccellenza la prima volta che lo crei, a tuo piacimento. Di modo che, dopo aver stabilito come lo vuoi e dopo aver ancorato più volte gli stati emozionali utili al cerchio, lo potrai usare quando ne senti la necessità. Immagina di poterlo usare prima di un colloquio di lavoro, o prima di una telefonata di vendita, o prima di una discussione difficile che devi affrontare, o prima di una sfida, prima di un momento difficile…

Per rendere forti e indissolubili gli stati emozionali all’interno del tuo cerchio dell’eccellenza, usa il tuo sistema rappresentazionale, cioè i tuoi sensi: arricchisci d’immagini, suoni, parole, sensazioni forti i vari stati emotivi che vuoi ancorare al cerchio. Ripeti questa operazione più volte quando crei il cerchio dell’eccellenza e poi riprendila per qualche giorno successivo, in modo da segnare l’àncora e renderla forte. Se necessiti di assistenza chiedi a un coach di aiutarti.

La Disney Strategy
Questa tecnica era utilizzata proprio dal geniale Walt Disney per cercare soluzioni efficaci e durature. Utilizza la tecnica delle àncore spaziali (cara a Robert Dilts) tanto che non è un caso che fu proprio Dilts a studiare il genio creativo di Walt Disney. Vediamola insieme qui:

  1. Crea delle ancore spaziali (cerchi sul pavimento per esempio) per tre posizioni: il SOGNATORE, il REALISTA, il CRITICO.
  2. Ancora uno stato appropriato per ciascun luogo. Pensa a una persona o a te stesso in uno stato particolarmente creativo, cosa facevi con la mente, come esprimevi la tua creatività, come ti sentivi dentro… Fai lo stessi per le altre due posizioni.
  3. Individua la situazione da analizzare e che richiede riflessione e una risposta.
  4. Entra nell’àncora spaziale del SOGNATORE e vedi la situazione con i suoi occhi.
  5. Entra nell’àncora spaziale del REALISTICO e vedi la situazione con i suoi occhi.
  6. Entra nell’àncora spaziale del CRITICO e vedi la situazione con i suoi occhi.
  7. Ora ripeti il giro per far penetrare i suggerimenti in ciascuno dei tre. Ripeti il cambio di posizioni fino a che non hai trovato una soluzione che soddisfa i vari punti di vista.

Ora, dovresti percepire più completezza e lucidità nel risolvere la situazione.









  • Chi è un coach incisivo? Chi è un coach incisivo?

    I coach che escono dal Master MACIA sono persone competenti, con qualifiche e formazione alle spalle e che - grazie al master - aggiungono l’ingrediente segreto: la fluidità! La fluidità nell’utilizzare il meta modello, nel fare domande, nell’assistere e non dire… E poi fluidità nel proporre l’esercizio giusto, giusto per il tuo cliente/coachee, giusto per il momento, per il luogo di coaching, giusto per il tuo stile e tipo di coaching. La fluidità nel lavorare con la mente cosciente e inconscia del coachee.

    Prosegui qui

  • Come si sceglie lo strumento di coaching da proporre? Come si sceglie lo strumento di coaching da proporre?

    Lo strumento di coaching perfetto non esiste. Esiste lo strumento (sotto forma di esercizio proposto) giusto per te, per il tuo stile comunicativo, per il tipo di coaching che usi, per il luogo in cui vi trovate (sì, perché il coaching può essere fatto anche con altre persone attorno) e anche assecondando l’apertura del tuo coachee in quel momento della vita. Esistono strumenti più consci e strumenti più inconsci. Da quali vuoi iniziare? Al Master MACIA che puoi seguire online distinguiamo strumenti, proponiamo protocolli e...

    Prosegui qui

  • Perché è fondamentale lavorare con la mente inconscia del coachee? Perché è fondamentale lavorare con la mente inconscia del coachee?

    Se sai che, per avere successo nel coaching, è inevitabile lavorare anche con la mente inconscia: quali esercizi appartengono più a una comunicazione “logica” e quali più a una comunicazione “emotiva/abitudinaria”? Facciamo due esempi. Se la persona che ti chiede assistenza volesse cambiare un automatismo o un’abitudine? Cosa proporresti? Alternative? E COME le proporresti? E poi? Come installeresti il tutto nella sua mente inconscia? Al Master MACIA partiamo daile situazioni tipiche del coachee per poi risalire a...

    Prosegui qui

  • Come si sceglie lo strumento di coaching da proporre? Come si lavora con la mente inconscia del coachee?

    Lo strumento di coaching perfetto non esiste. Esiste lo strumento (sotto forma di esercizio proposto) giusto per te, per il tuo stile comunicativo, per il tipo di coaching che usi, per il luogo in cui vi trovate (sì, perché il coaching può essere fatto anche con altre persone attorno) e anche assecondando l’apertura del tuo coachee in quel momento della vita. Esistono strumenti più consci e strumenti più inconsci. Da quali vuoi iniziare? Al Master MACIA che puoi seguire online distinguiamo strumenti, proponiamo protocolli e...

    Prosegui qui

  • Cosa sono e come uso le visualizzazioni durante un incontro di coaching? Cosa sono e come uso le visualizzazioni durante un incontro di coaching?

    Le visualizzazioni sono usate pochissimo dai coach oggi, eppure la PNL ne sfrutta i vantaggi da quarant’anni. Le visualizzazioni non sono sconosciute, sono confuse. Molti di noi, compresi molti coach, confondono le visualizzazioni con la meditazione o con l’ipnosi. Le visualizzazioni esistono nella nostra mente comunque. Tutti noi visualizziamo volenti o nolenti. Tu conosci le visualizzazioni “passive” del tuo cliente? Sai come si motiva? Demotiva? Racconta il passato? Il futuro? Le aspettative? La sua crescita? Al Master...

    Prosegui qui

  • Le visualizzazioni sono ipnosi? Le visualizzazioni sono ipnosi?

    Non è solo scendendo dieci graditi virtuali che si cambia… Non si cambia solamente facendo una passeggiata virtuale sulla spiaggia… Le visualizzazioni possono essere motivanti o di processo. Possono partire in uno stato emotivo positivo o neutro, partire da un semplice respiro di rilassamento o da una posizione comoda. Possono essere “passive”, cioè non volute dal coachee o “attive” cioè volute e costruite insieme al coach. Cosa ha bisogno di vedere, dirsi, provare il tuo coachee per fare un passo verso il suo...

    Prosegui qui

MACIA

Il Master Avanzato di Coaching Inconscio Applicato, si rivolge a coach che vogliono migliorare la propria pratica di coaching.

 CCA Italia, Master in coaching

Contatto

Hai una domanda? Scrivici a info@ccaitalia.com e ti risponderemo entro 48 ore.

 

Open Day

Prenota qui il tuo posto per l'Open DAY del venerdì 14/12/2022 via ZOOM.



© Copyright Wide srl 2022 - P.IVA: 05378370968


© Copyright Wide srl 2022 - P.IVA: 05378370968
Termini & Condizioni | Privacy Policy | Assistenza Clienti