MASTER AVANZATO DI COACHING INCONSCIO APPLICATO
MASTER AVANZATO DI COACHING INCONSCIO APPLICATO

Le visualizzazioni sono ipnosi?


Non è solo scendendo dieci graditi virtuali che si cambia… Non si cambia solamente facendo una passeggiata virtuale sulla spiaggia… Le visualizzazioni possono essere motivanti o di processo. Possono partire in uno stato emotivo positivo o neutro, partire da un semplice respiro di rilassamento o da una posizione comoda. Possono essere “passive”, cioè non volute dal coachee o “attive” cioè volute e costruite insieme al coach. Cosa ha bisogno di vedere, dirsi, provare il tuo coachee per fare un passo verso il suo obiettivo? La razionalità è utile, è il primo passo, ma poi… Ma poi la mente inconscia e le visualizzazioni AIUTANO a raggiungere gli obiettivi prima e bene. Al Master MACIA impari tutto online sulle visualizzazioni.

La classica induzione delle scale ci permette di rilassarci, di gradino in gradino: scendendo di uno e respirando, pensando a qualcosa di gradevole, e scendendo di un altro gradino, ponendo attenzione alle spalle rilassate, i muscoli della schiena che si lasciano andare, il collo rilassato, e, mentre, continuiamo la nostra discesa verso il rilassamento, anche le braccia si sentono leggere, così come i muscoli del viso, e, nasce spontaneamente un sorriso in viso. Così, mentre, continuiamo a scendere nel rilassamento, la mente si fa sempre più sensibile all’apprendimento di benessere e armonia.

A seguito dell’induzione, la visualizzazione in questo stile motivazionale o “di prospettiva finale”, è pronta a inviare il suo messaggio emotivo. Cosa ricerca il coachee? Benessere? Forza? Coraggio? Serenità? Distacco? Senso di adeguatezza nelle situazioni nuove? Ecco il momento per suggerire al cliente ciò che lui o lei stessa vuole provare più spesso.

Condizionamento? Dovremmo piuttosto dire auto-condizionamento. È il coachee stesso che sceglie cosa desidera, le sue nominalizzazioni, le sue metafore, i suoi colori, onde, movimenti, profumi, che si tramutano poi in benessere, serenità, coraggio etc.

Ma quando invece le visualizzazioni NON sono ipnosi.

Intanto definiamo ipnosi: è un semplice stato alterato di coscienza che tutti noi priviamo più volte al giorno. tipico è quando ci immergiamo nella lettura di un libro, nella trama di un film, quando guidiamo e ci scordiamo come siamo arrivati da A a B. Tipico quando il tempo passa e non sappiamo effettivamente come.

Appurato che lo stato di ipnosi è così comune quanto il guardare una puntata della propria serie televisiva, possiamo anche dire che le visualizzazioni non sempre richiedono uno stato di rilassamento per essere efficaci.

Anzi…

Possiamo indurre visualizzazioni sono conversando?

Eccome.

Se adesso tu leggessi le parole “scarafaggio spiaccicato”, cosa immagineresti?

E se ti proponessi l’associazione “fiorellini di campo”? Come ti sentiresti? Cosa immagineresti? Cosa vedresti con gli occhi interni?

Bene, quindi abbiamo appurato che le visualizzazioni sono anche conversazionali. E non necessitano di rilassamento o chiusura degli occhi.

Oltre a queste esistono altri tipi di visualizzazioni che vengono esplorate, apprese ed esercitate al Master MACIA per far sì che il coach incisivo possa aiutare profondamente il cliente a lavorare in profondità con la propria mente inconscia.





  • Chi è un coach incisivo? Chi è un coach incisivo?

    I coach che escono dal Master MACIA sono persone competenti, con qualifiche e formazione alle spalle e che - grazie al master - aggiungono l’ingrediente segreto: la fluidità! La fluidità nell’utilizzare il meta modello, nel fare domande, nell’assistere e non dire… E poi fluidità nel proporre l’esercizio giusto, giusto per il...

    Prosegui qui

  • Come si sceglie lo strumento di coaching da proporre? Come si sceglie lo strumento di coaching da proporre?

    Lo strumento di coaching perfetto non esiste. Esiste lo strumento (sotto forma di esercizio proposto) giusto per te, per il tuo stile comunicativo, per il tipo di coaching che usi, per il luogo in cui vi trovate (sì, perché il coaching può essere fatto anche con altre persone attorno) e anche assecondando l’apertura del tuo coachee...

    Prosegui qui

  • Perché è fondamentale lavorare con la mente inconscia del coachee? Perché è fondamentale lavorare con la mente inconscia del coachee?

    Se sai che, per avere successo nel coaching, è inevitabile lavorare anche con la mente inconscia: quali esercizi appartengono più a una comunicazione “logica” e quali più a una comunicazione “emotiva/abitudinaria”? Facciamo due esempi. Se la persona che ti chiede assistenza volesse cambiare un automatismo o un’abitudine?...

    Prosegui qui

  • Come si sceglie lo strumento di coaching da proporre? Come si lavora con la mente inconscia del coachee?

    Lo strumento di coaching perfetto non esiste. Esiste lo strumento (sotto forma di esercizio proposto) giusto per te, per il tuo stile comunicativo, per il tipo di coaching che usi, per il luogo in cui vi trovate (sì, perché il coaching può essere fatto anche con altre persone attorno) e anche assecondando l’apertura del tuo coachee...

    Prosegui qui

  • Cosa sono e come uso le visualizzazioni durante un incontro di coaching? Cosa sono e come uso le visualizzazioni durante un incontro di coaching?

    Le visualizzazioni sono usate pochissimo dai coach oggi, eppure la PNL ne sfrutta i vantaggi da quarant’anni. Le visualizzazioni non sono sconosciute, sono confuse. Molti di noi, compresi molti coach, confondono le visualizzazioni con la meditazione o con l’ipnosi. Le visualizzazioni esistono nella nostra mente comunque. Tutti noi...

    Prosegui qui

  • Le visualizzazioni sono ipnosi? Le visualizzazioni sono ipnosi?

    Non è solo scendendo dieci graditi virtuali che si cambia… Non si cambia solamente facendo una passeggiata virtuale sulla spiaggia… Le visualizzazioni possono essere motivanti o di processo. Possono partire in uno stato emotivo positivo o neutro, partire da un semplice respiro di rilassamento o da una posizione comoda. Possono...

    Prosegui qui